Il pane tedesco (das deutsche Brot)

Uno dei primi fattori di “Heimweh” (nostalgia di casa) per un tedesco fuori sede e’ sicuramente il sapore del proprio pane.

Il pane tedesco e’ diventato dal 2014 “patrimonio culturale immateriale” e forse nessun paese al mondo e’ in grado di superare l’arte di panificazione tedesca.

Le farine tedesche comunemente usate sono a base di segale (36%), farro (5,7%), frumento (28,8%), integrale (17,3 %), mista (8,9%). Si annoverano migliaia (secondo alcune fonti piu‘ di 3.200) di tipi diversi di pane ma quello che piu’ si conosce internazionalmente e’ forse il Bretzel, nelle sue varianti dolci e salate.

Il pane tedesco e’ protagonista indiscusso del Brotzeit e buona parte dei tedeschi ama acquistarlo fresco in piccoli panifici o catene locali, evitando le grandi distribuzioni. Qui in Baviera il Brotzeit puo’ essere inserito in vari momenti della giornata come colazione, pausa “taglia fame” (vedasi Oktoberfest) o cena informale.

Tra le mie varieta’ di pane preferite – oltre al Bretzel – amo i Kaisersemmel e il Vollkorn Brot. E voi che specialita’ avete provato? Quale consumate piu’ volentieri e quando?

Piccola nota: il Bretzel nella foto e’ un “Zopfbrezeln”, un Bretzel “a treccia” prodotto in uno dei panifici piu’ noti di Monaco di Baviera